COME OPERIAMO
 RICERCA
 CONSERVAZIONE
  Gli animali che stiamo salvando
  Anfibi
  Capovaccaio
  Capriolo italico
  Cicogna bianca
  Gobbo rugginoso
  Grillaio
  Gufo reale
  Lanario
  Lontra eurasiatica
  Tartaruga comune
  Testuggine palustre
  Testuggine terrestre
  Contro cosa ci battiamo
  Il Contratto d'Area di Manfredonia
 EDUCAZIONE AMBIENTALE
 WORKSHOP E SEMINARI
 ESCURSIONISMO
 EDITING E FOTOGRAFIA

Conservazione / Gobbo rugginoso

Oxyura leucocephala

Lunghezza
43-48 cm

Apertura alare
62-70 cm

Piccola e rarissima anatra tuffatrice estinta in Italia come nidificante intorno alla metā del secolo scorso, č inconfondibile per il suo aspetto “ingobbito” e la coda rigida tenuta spesso dritta fuori dall’acqua. Il maschio si distingue dalla femmina per la faccia bianca e, nel periodo riproduttivo (aprile-luglio), per il sorprendente colore blu del grosso becco.
Abile tuffatore si ciba soprattutto di invertebrati e piante acquatiche.
Le ultime popolazioni vitali della specie sono distribuite in Spagna (popolazione sedentaria) e nelle paludi fra Turchia e Kazakistan (popolazione migratrice).
In Italia era presente come nidificante in Sardegna, Sicilia e Puglia.

Da cosa è minacciato
Diversi fattori contribuiscono alla scomparsa e rarefazione del Gobbo rugginoso da gran parte dell'Europa tanto da farne una specie globalmente minacciata classificata come vulnerabile dall'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN).
La caccia č stata uno dei motivi principali, prima del declino numerico, e poi dell'estinzione del Gobbo rugginoso in Italia e in altri paesi del Mediterraneo. Attualmente il principale fattore di scomparsa di tale specie da gran parte dell'Europa č la costante regressione delle zone umide e degli ambienti adatti alla riproduzione, ma anche l'inquinamento dovute ad attivitā sia agricole che industriali esercita un ruolo negativo per l'alterazione di molte zone umide esistenti. Infine l'ibridazione con il simile Gobbo della Giamaica (Oxyura jamaicensis), importato in Inghilterra negli anno '40 e diffusosi in buona parte d'Europa, rischia di fare scomparire la specie.

Cosa stiamo facendo

Presso il Centro Fauna Selvatica del Parco Nazionale del Gargano è presente una delle più importanti popolazioni in cattività d’Europa. Da questa popolazione si prevede il rilascio per la reintroduzione nelle zone umide sipontine dei giovani.


Vai al progetto
 
home | chi siamo | come operiamo | dove operiamo | progetti | aiuta il CSN | link amici | Site Map | cookie policy
powered by netplanet - Denominazione: ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719