COME OPERIAMO
 RICERCA
 CONSERVAZIONE
  Gli animali che stiamo salvando
  Anfibi
  Capovaccaio
  Capriolo italico
  Cicogna bianca
  Gobbo rugginoso
  Grillaio
  Gufo reale
  Lanario
  Lontra eurasiatica
  Tartaruga comune
  Testuggine palustre
  Testuggine terrestre
  Contro cosa ci battiamo
  Il Contratto d'Area di Manfredonia
 EDUCAZIONE AMBIENTALE
 WORKSHOP E SEMINARI
 ESCURSIONISMO
 EDITING E FOTOGRAFIA

Conservazione / Lanario

Falco biarmicus feldeggii
Lunghezza
43-52 cm

Apertura alare
85-110 cm

E' un falco di medie dimensioni, con il dorso bruno-grigio e le parti inferiori biancastre, molto simile al Pellegrino, da cui si riconosce per le dimensioni maggiori, i mustacchi meno netti, il capo color ruggine, il corpo più snello e le ali più lunghe.
E' adattato a vivere in pianure, steppe e deserti dove nidifica su pareti rocciose.
Cattura le prede in volo e spesso il maschio e la femmina collaborano nella caccia.

Da cosa è minacciato
La sottospecie europea ( feldeggi ) è in declino ed è considerata una specie prioritaria, inclusa negli Allegati I e II della Direttiva Uccelli (Direttiva 79/409/CEE).
E' distribuito quasi esclusivamente in Italia ove è presente nella ZPS Promontorio del Gargano con 7 coppie.
Questa popolazione rappresenta la quasi totalità di quelle presenti in Puglia, il 5% di quella nazionale e il 4% di quelle europee.
La pratica dell'attività di arrampicata sportiva nei siti riproduttivi è stata individuata come una minaccia per la conservazione della specie e localizzata nel territorio pugliese anche dal piano d'azione per il Lanario (International Species Action Plan Lanner Falcon, Birdlife International, 1999) che la indica con priorità alta (high).

Un altro elemento di criticità è rappresentato dalla scarsità di risorse trofiche perché le correnti pratiche agricole (messa a coltura dei pascoli) sono causa della riduzione dell'habitat e delle fonti alimentari.
A ciò si aggiunge il fatto che il Lanario trovava un'importante fonte trofica complementare nella presenza di numerose piccionaie che tradizionalmente erano presenti nei fabbricati rurali e che oggi sono in gran parte scomparse a causa delle nuove tecniche di costruzione e manutenzione dei tetti, con la chiusura di tutte le aperture verso l'esterno.

Infine, anche il massiccio uso di biocidi in agricoltura per il controllo delle popolazioni di invertebrati provoca un impatto sui giovani lanari che, nei primi mesi successivi all'involo, si nutrono principalmente di grossi insetti (ortotteri, coleotteri, ecc.).

Cosa stiamo facendo
Nella ZPS Promontorio del Gargano stiamo portando avanti, insieme alla Provincia di Foggia, alla Comunità Montana del Gargano e al Consorzio di Bonifica del Gargano, un progetto LIFE per la salvaguardia dei rapaci, tra cui appunto il Lanario che prevede, da una parte, la conservazione dei siti riproduttivi attraverso l'eliminazione delle attrezzature per l'arrampicata sportiva e sorveglianza ai siti riproduttivi, dall'altra l'aumento delle risorse alimentari attraverso la creazione di nuove colonie di colombi e la riduzione della pressione umana sull'habitat attraverso incentivi agli agricoltori per l'utilizzo di pratiche agricole con un minor impatto ambientale.

Vai al progetto
 
home | chi siamo | come operiamo | dove operiamo | progetti | aiuta il CSN | link amici | Site Map | cookie policy
powered by netplanet - Denominazione: ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719