DOVE OPERIAMO
 TAVOLIERE DELLE PUGLIE
 PROMONTORIO DEL GARGANO
 SUBAPPENINO DAUNO
 OASI LAGO SALSO
 AMBIENTI DI CAPITANATA
  Le leccete
  La macchia mediterranea
  La pineta a Pino D'Aleppo
  Gli ambienti rocciosi
  Le garighe
  I pascoli steppici
  Le cerrete
  I boschi di roverella
  Le faggete
  Le paludi dolci e salmastre
  Gli agroecosistemi
  L'ambiente fluviale e i boschi ripariali e planiziali

Gli ambienti di Capitanata / Le garighe

Questa formazione, originata dalla degradazione della macchia mediterranea in seguito all’eccessivo pascolo, agli incendi e
all’erosione, è nondimeno caratterizzata da una grande ricchezza floristica e faunistica.
Sul Gargano ad esempio sono frequenti garighe con una dominanza di Rosmarinus officinalis, Euphorbia dendroides o Sideritis syriaca, quest’ultima in particolare è legata alla fascia mediterranea della Thero-Brachypodietea che è considerata habitat prioritario dall’U.E. (in base alla direttiva 92/43 CEE). Altrettanto importante la presenza di numerose specie di orchidee. Tale ambiente ricopre gran parte delle isole Tremiti come Capraia e San Nicola, l'estensione complessiva comunque risulta difficilmente stimabile a causa della sua continua evoluzione.
Ospitano una fauna importante ove, ad esempio tra gli zigoli, accanto a specie più diffuse come lo Strillozzo, lo Zigolo nero e lo Zigolo muciatto, si può osservare il raro Zigolo capinero. La Volpe, il Riccio e, in parte, la Donnola sono i mammiferi più diffusi.
I rettili più comuni qui sono le lucertole, il Geco comune ma anche specie più rare o localizzate come la Testuggine comune o, nelle porzioni più umide, la Luscengola.
I serpenti come il Biacco e la Vipera comune trovano in queste aree il loro habitat ideale.

Principali minacce
Le minacce sono difficilmente identificabili, in quanto spesso la gariga prende il posto di altri ambienti a seguito di incendi e di pascolo eccessivo. L’assenza di un monitoraggio delle aree ove questo ambiente è presente, nonché della fauna e della flora, rendono ancor più arduo evidenziare i pericoli per questo habitat, naturalmente impatti di origine antropica come incendi ed alterazioni ambientali sono le cause del degrado in cui versano alcune aree.
 
home | chi siamo | come operiamo | dove operiamo | progetti | aiuta il CSN | link amici | Site Map | cookie policy
powered by netplanet - Denominazione: ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719