DOVE OPERIAMO
 TAVOLIERE DELLE PUGLIE
 PROMONTORIO DEL GARGANO
 SUBAPPENINO DAUNO
 OASI LAGO SALSO
 AMBIENTI DI CAPITANATA
  Le leccete
  La macchia mediterranea
  La pineta a Pino D'Aleppo
  Gli ambienti rocciosi
  Le garighe
  I pascoli steppici
  Le cerrete
  I boschi di roverella
  Le faggete
  Le paludi dolci e salmastre
  Gli agroecosistemi
  L'ambiente fluviale e i boschi ripariali e planiziali

Gli ambienti di Capitanata / Le leccete

La lecceta rappresenta il climax tipico dell’ambiente mediterraneo. Estinte le antiche foreste sempreverdi mediterranee che un
tempo ricoprivano le aree costiere meridionali, solo rari esemplari di leccio secolari testimoniano i primitivi boschi d'alto fusto.
Sono attualmente caratterizzate quasi esclusivamente da cedui più o meno invecchiati e degradati e da forme arbustive e macchie.
Il leccio o elce, è presente dal livello del mare fino a 800-900 m di quota e si compenetra non di rado in altre formazioni (macchia e gariga, pineta di pino d’Aleppo, bosco misto di latifoglie decidue, cerreta e anche faggeta). Si tratta di una quercia sempreverde e quindi è caratterizzata da foglie spesse e coriacee che non vengono perse tutte insieme in autunno. Il sottobosco, quasi assente nelle formazioni più chiuse e buie, è talvolta rappresentato, a seconda dell’ambiente in cui vegeta, da arbusti sempreverdi o decidui, liane e, tra le rare piante erbacee, la più frequente è il ciclamino primaverile.
La presenza di mammiferi rari come il gatto selvatico e sporadicamente il capriolo italico arricchisce a volte questo ambiente le cui più grandi estensioni si trovano nell’area garganica in una zona compresa tra Valle Carbonara, Monte Sacro e Valle della
Vecchia.
Tra gli uccelli più comuni vi sono certamente le ghiandaie, ma questi ambienti sono importanti anche per le migrazioni, in particolare dei tordi. Inoltre l’unica specie di aquila che vive sul Gargano frequenta le leccete insieme ai pascoli e alle garighe circostanti.
Si tratta del Biancone, conosciuto anche come “aquila dei serpenti” un grosso rapace specializzato nella caccia ai rettili. Qui infatti diverse specie di serpenti come Biacco, Vipera, Saettone meridionale, Colubro liscio, ma anche il Ramarro occidentale e le lucertole, trovano il loro habitat ideale.

Principali minacce
Le minacce sono dovute agli impatti antropici, in particolare la gestione forestale senza criteri naturalistici, il pascolo eccessivo che è praticamente presente in ogni angolo di tale ambiente e gli incendi boschivi.
 
home | chi siamo | come operiamo | dove operiamo | progetti | aiuta il CSN | link amici | Site Map | cookie policy
powered by netplanet - Denominazione: ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719