DOVE OPERIAMO
 TAVOLIERE DELLE PUGLIE
 PROMONTORIO DEL GARGANO
 SUBAPPENINO DAUNO
 OASI LAGO SALSO
 AMBIENTI DI CAPITANATA
  Le leccete
  La macchia mediterranea
  La pineta a Pino D'Aleppo
  Gli ambienti rocciosi
  Le garighe
  I pascoli steppici
  Le cerrete
  I boschi di roverella
  Le faggete
  Le paludi dolci e salmastre
  Gli agroecosistemi
  L'ambiente fluviale e i boschi ripariali e planiziali

Gli ambienti di Capitanata / I pascoli steppici

Spesso la degradazione non si arresta alla macchia o alla gariga, ma procede, dopo la quasi completa scomparsa delle piante legnose, sino alla formazione di terreni erbosi aridi o all’affioramento del sottostante substrato calcareo dovuto al dilavamento degli strati superficiali. D’estate le comunità vegetali di questi suoli sono completamente disseccate, e solo in primavera si può
ammirare la variopinta fioritura delle specie erbacee che le compongono.
In gran parte vi dominano le graminacee come il Lino delle fate e piante spinose o velenose che in seguito al pascolo intensivo e selettivo prendono il sopravvento.
Tra queste i cardi, gli asfodeli, la Scilla e la Ferula.
Spesso l’unica pianta legnosa in forma arbustiva o di piccolo albero presente in questi ambienti è il perastro. Sugli affioramenti rocciosi e i muretti a secco che abbondano in questi ambienti, vegetano diverse forme di licheni. Anche questo ambiente ospita una fauna importantissima con rara e localizzata presenza della Gallina prataiola, dell'Occhione, della Calandra, nonché di numerosi altri uccelli.
Importanti le popolazioni di rettili, tra queste: il Biacco e la Vipera trovano in queste aree il loro habitat ideale insieme alle più comuni lucertole, al Geco comune e anche a specie più rare o localizzate come la Luscengola che predilige le aree più umide dove sono presenti anche anfibi come il Rospo smeraldino.

Principali minacce
Le minacce più gravi sono le trasformazioni ambientali che si susseguono a ritmo continuo, come il dissodamento per scopi
agricoli e gli impianti industriali di recente costruzione. Tali cause di fatto limitano l'estensione frammentando la continuità
ambientale.
 
home | chi siamo | come operiamo | dove operiamo | progetti | aiuta il CSN | link amici | Site Map | cookie policy
powered by netplanet - Denominazione: ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719