COME OPERIAMO
 RICERCA
 CONSERVAZIONE
 EDUCAZIONE AMBIENTALE
 WORKSHOP E SEMINARI
 ESCURSIONISMO
 EDITING E FOTOGRAFIA
Pro - Natura

I tratturi.....terra di nessuno

2 maggio 2007

Con la realizzazione del primo trekking sul tratturo regio “Lucera-Castel di Sangro”, avvenuta il 29 aprile scorso, il Centro Studi Naturalistici pone l´attenzione sul tema di queste antiche vie erbose. Da quando l´agricoltura intensiva ha letteralmente sconfitto la pastorizia transumante, è avvenuta in tutta la Capitanata una banalizzazione del territorio ai danni di un paesaggio pastorale sopravvissuto per secoli, che garantiva un sistema ecologico unico ed importantissimo.
Di questo sistema, oggi, non rimane che qualche angolo sopravvissuto quasi per miracolo alla forza degli aratri e qualche carrareccia che ripercorre l´antico percorso dei tratturi.
Su uno di questi si è svolto il trekking, ma oltre ai colori del paesaggio primaverile, purtroppo gli escursionisti hanno trovato anche altro (la foto è eloquente). Il problema rifiuti, così evidente ad ogni angolo delle nostre periferie, non lascia immune neanche quello che resta del tratturo, e così, cumuli di rifiuti di ogni genere (anche speciali e pericolosi) sono disseminati anche in posti così lontani ed isolati che non si riesce neanche a capire come e perchè arrivare a gettare in questi posti l´immondizia, che non troviamo sui fondi privati, ma solo nella fascia demaniale del tratturo, coltivato, abbandonato, con impianti eolici sorti e in via di completamento a pochi passi da esso, senza alcun rispetto per quelle che potrebbero diventare le strade dei turisti del futuro.
Sarebbe ora che le istituzioni prendessero a cuore questo tema, senza manomissioni per spendere soldi (vedi le sistemazioni inutili dei sentieri che spesso vengono effettuate), ma con una reale reintegra delle proprietà dello stato (si immagini che perfino i cippi lapidei di confine dei tratturi sono tutti scomparsi, rubati per fare bella mostra in qualche casa, o venduti al maggior offerente) finalizzata alla fruizione sostenibile di queste risorse del nostro territorio, come peraltro ovunque già avviene.
Proprio in questi giorni si è tenuto, alla Fiera dell´Agricoltura di Foggia, il primo Forum Internazionale dei Sistemi Pastorali, nel quale si è discusso proprio delle funzioni e del recupero dei pascoli attraverso i finanziamenti del Piano di Sviluppo Rurale. Questa è un´ occasione unica e se i nostri amministratori non inseriranno nel programma regionale delle misure agro-ambientali tra le linee di finanziamento (come peraltro esige la Comunità Europea), non ci sarà spazio per i pascoli e pastori, per la qualità dei prodotti e lo sviluppo sostenibile, per il futuro del nostro territorio per il quale ormai anche la produttività ha fatto il suo tempo (vedi le crisi ricorrenti del comparto agricolo dai pomodori, agli ortaggi, etc.) e la salvaguardia ed il recupero ambientale.
Se non si immaginerà un futuro innovativo per il vero sviluppo della nostra terra, i tratturi continueranno ad essere, come lo sono oggi, terra di nessuno, o forse diventeranno solo terra per scaricare rifiuti.

Archivio news
 
home | chi siamo | come operiamo | dove operiamo | progetti | aiuta il CSN | link amici | Site Map | cookie policy
powered by netplanet - Denominazione: ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719