COME OPERIAMO
 RICERCA
 CONSERVAZIONE
 EDUCAZIONE AMBIENTALE
 WORKSHOP E SEMINARI
 ESCURSIONISMO
 EDITING E FOTOGRAFIA
Pro - Natura

Gaza: basta con la propaganda.

16 gennaio 2009

Da sempre, le guerre si nutrono anche di una informazione faziosa e manipolata. E anche questa volta non è diverso. La propaganda di guerra inonda i nostri teleschermi e giornali, con poche importanti eccezioni. Il racconto dei fatti, la ricerca di quelli nascosti, l´attenzione al dolore delle persone travolte dalla guerra, l´ascolto di tutti i protagonisti e di tutte le vittime, il confronto e la ricomposizione dei diversi punti di vista e delle tante verità frammentate sono rischiano di diventare l´eccezione non più la regola.
Così, ancora una volta, agli italiani viene negato il diritto di conoscere e di capire.
Veniamo trascinati in guerra, ci viene chiesto di schierarci ma ci viene negato il sacrosanto diritto di sapere. E´ dunque di agire consapevolmente.
Ma questo fa molto male alla nostra democrazia e alla nostra coscienza civica.
Indebolisce il nostro paese e compromette la nostra capacità di fare quello che sarebbe necessario.
Ci rivolgiamo a tutti i grandi e piccoli mezzi d´informazione pubblici e privati
perché aiutino gli italiani a capire e ad agire.
Chiediamo alla Rai, il nostro servizio pubblico radiotelevisivo, di esercitare tutte le pressioni necessarie su Israele per consentire l´immediato accesso di un corrispondente Rai nella striscia di Gaza è di promuovere da subito una serie di trasmissioni in prima e seconda serata di approfondimento sulla tragedia di Gaza e sui problemi della pace in Medio Oriente.
Gli Italiani hanno diritto di sapere quello che realmente accadendo alla gente di Gaza e di vedere tutte le immagini che da Gaza vanno regolarmente in onda sul circuito internazionale ma quasi mai arrivano sui nostri schermi. Sarebbe ora e tempo che venisse ridata la parola anche ai tanti operatori di pace e ai tanti protagonisti che si occupano di questi problemi da anni a diretto contatto con la popolazione civile palestinese ed israeliana.
Sabato 17 gennaio si svolgerà ad Assisi una importante manifestazione nazionale per la pace in Medio Oriente. Migliaia di persone, associazioni e enti locali si ritroveranno nella città di Francesco per chiedere l?immediato cessate il fuoco e discutere cosa fare insieme per aiutare palestinesi e israeliani a mettere fine a questa lunghissima tragedia.
Chiediamo un´informazione onesta. Chiediamo che questa manifestazione non venga ignorata, deformata o banalizzata come è già successo il 26 agosto e il 18 novembre 2006. Quella di Assisi sarà una manifestazione civile, nonviolenta e costruttiva. Uno di quegli appuntamenti che speriamo possa contribuire a fermare la strage in corso e che certamente farà bene alla coscienza e alla politica del nostro paese. Ciascuno si assuma le proprie responsabilità.
Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della pace
Giuseppe Giulietti, portavoce Associazione Articolo 21

Archivio news
 
home | chi siamo | come operiamo | dove operiamo | progetti | aiuta il CSN | link amici | Site Map | cookie policy
powered by netplanet - Denominazione: ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719