COME OPERIAMO
 RICERCA
 CONSERVAZIONE
 EDUCAZIONE AMBIENTALE
 WORKSHOP E SEMINARI
 ESCURSIONISMO
 EDITING E FOTOGRAFIA
Pro - Natura

La ripresa dei ghiacciai del Polo Nord è una bufala

14 gennaio 2009

Il diavolo fa le pentole ma non i coperti, ancora una volta il tentativo dei finti scienziati pagati dalle multinazionali che tentano in ogni modo di sminuire o negare la responsabilità dell´Uomo nei cambiamenti climatici è stato sventato.

A fare le spese di questa contrapposizione sono quasi sempre i dati scientifici, strumentalizzati e tirati da una parte o dall´altra a discapito della loro neutralità e del necessario e faticoso sforzo per capirne realmente la portata. L´ultimo caso eclatante è stata la notizia del presunto recupero dei ghiacci artici usata in questi giorni per ridare fiato alle trombe dei negazionisti. Una caso da manuale del cortocircuito che può colpire l´informazione soprattutto nell´era di Internet.

La notizia, ripresa oltre che dai blog di mezzo mondo anche da giornali nazionali e agenzie di stampa, suonava più o meno così: a fine 2008, dopo la seconda peggiore perdita estiva di sempre (la peggiore fu nel 2007), il ghiaccio marino del Polo Nord ha conosciuto una ripresa vigorosa, tornando nientemeno che ai livelli del 1979. Dato che veniva attribuito alle misurazioni dell´autorovolissimo William Chapman dell´Università dell´Illinois e assolutamente incoraggiante rispetto ai timori di scioglimento totale dei ghiacci estivi nel volgere di pochi anni lanciato appena pochi mesi prima.

Le cose in realtà non stanno esattamente così. Innanzitutto non si trattava di uno studio di Chapman, ma di una valutazione (basta su dati raccolti dall´Università dell´Illinois) di un blogger, Michael Asher, che si limitava a chiedere allo scienziato dell´Illinois un commento nel quale lo studioso spiegava che effettivamente un recupero c´era stato e poteva essere attribuito a una particolare circolazione dei venti gelidi. Ma tanto è bastato a mettere in moto la macchina negazionista. Così alla fine Chapman è dovuto intervenire per mettere fine all´equivoco con una nota ufficiale pubblicata sul sito dell´Università.

Innanzitutto, fa chiarezza lo studioso della criosfera, il dato comparativo non si riferisce ai ghiacci marini artici ma al valore globale che si ottiene sommando quelli di Polo Nord e Polo Sud, con i primi che rispetto al 1979 si riducono di quasi un milione di chilometri quadrati e i secondi che avanzano di circa 0,5 milioni. 'Un dato - precisa - poco indicativo rispetto alle valutazioni sul riscaldamento globale in quanto la maggior parte dei modelli sulle previsioni degli effetti dei gas serra sulla criosfera prevedono gli effetti maggiori sull´estensione estiva dell´artico e i dati registrati sono in linea con queste previsioni', mentre alcuni studi sottolineano che 'uno degli effetti collaterali del riscaldamento globale può essere proprio un momentaneo incremento nell´estensione dei ghiacci antartici'.

Chapman invita inoltre a tenere in considerazione che l´estensione è solo uno dei parametri di valutazione dei ghiacci e non necessariamente il più importante, visto che fondamentale è anche lo spessore, attualmente senz´altro minore rispetto a quello degli anni passati.

Archivio news
 
home | chi siamo | come operiamo | dove operiamo | progetti | aiuta il CSN | link amici | Site Map | cookie policy
powered by netplanet - Denominazione: ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719