COME OPERIAMO
 RICERCA
 CONSERVAZIONE
 EDUCAZIONE AMBIENTALE
 WORKSHOP E SEMINARI
 ESCURSIONISMO
 EDITING E FOTOGRAFIA
Pro - Natura

Parco: ti voglio ricordare che c´è il Gargano da salvare

31 ottobre 2006

Mobilitazione dei cittadini promossa da LIPU e WWF

Non c´è pace per il Gargano sotto la morsa di una lebbra cementizia sempre più aggressiva e letale.

Le aggressioni alla sua natura ed al suo paesaggio si susseguono a ritmo serrato, richiedendo alle Associazioni ambientaliste uno sforzo enorme per correre da una parte all´altra nel frustante ruolo di pompieri dell´ambiente.

Spesso, purtroppo, quando le aggressioni sono tante e contemporanee e le segnalazioni intempestive o nulle, non si arriva a tempo ed il cemento ha già “bruciato” il territorio con danni irreversibili.

Per un´emergenza di tali proporzioni, LIPU e WWF ritengono che occorra uno sforzo collettivo: è necessario che i cittadini scendano in campo con un´azione di denuncia continua degli scempi in atto, una mobilitazione che spinga l´Ente Parco ad intervenire con energia e determinazione per salvare quel territorio che istituzionalmente è preposto a tutelare.

LIPU e WWF promuovono, pertanto, la mobilitazione dei cittadini “Parco: ti voglio ricordare che c´è il Gargano da salvare”.

I cittadini sono invitati a far pervenire le segnalazioni di qualunque aggressione all´ambiente e al paesaggio del Gargano alla casella postale 356 – 71100 Foggia o all´indirizzo mail foggia@wwf.it oppure lipu.fg@tin.it .

Le segnalazioni potranno essere anche anonime ma dovranno riportare precise indicazioni per l´individuazione del sito dell´aggressione denunciata, possibilmente accompagnandole con foto cartacee e/o digitali.

Le associazioni, dopo i necessari riscontri, informeranno i cittadini, tramite i media, delle segnalazioni pervenute, ovviamente salvaguardando i segnalatori con l´anonimato.

Verrà realizzato così, con la collaborazione di tutti, il Dossier “Emergenza Gargano”, nell´auspicio che, prendendone atto, le Istituzioni, ed in particolare l´Ente Parco, intervengano.

A proposito dei compiti che il Parco deve svolgere, le Associazioni ricordano che l´Ente Parco dispone da qualche anno di 500 mila euro, concessi dal Ministero dell´Ambiente per gli abbattimenti delle costruzioni abusive, ancora non utilizzati nonostante le ripetute sollecitazioni.

Gli obiettivi principali che l´Ente Parco del Gargano deve ripromettersi sono contenuti nella stessa legge istitutiva. All´art. 1 della legge 394/91 si legge, infatti, che i suoi territori «specie se vulnerabili, sono sottoposti ad uno speciale regime di tutela e di gestione, allo scopo di perseguire, in particolare, le seguenti finalità: conservazione di specie animali o vegetali, d´associazioni vegetali o forestali, di singolarità geologiche, di formazioni paleontologiche, di comunità biologiche, di biotopi, di valori scenici e panoramici, di processi naturali, di equilibri idraulici e idrogeologici, di equilibri ecologici….

All´ art. 2 si legge « I parchi nazionali sono costituiti da aree terrestri, fluviali, lacuali o marine che contengono uno o più ecosistemi intatti o anche parzialmente alterati da interventi antropici, una o più formazioni fisiche, geologiche, geomorfologiche, biologiche, di rilievo internazionale o nazionale per valori naturalistici, scientifici, estetici, culturali, educativi e ricreativi tali da richiedere l´intervento dello Stato ai fini della loro conservazione per le generazioni presenti e future.«
La mobilitazione dei cittadini “Parco: ti voglio ricordare che c´è il Gargano da salvare” ha in definitiva l´obiettivo di mettere in risalto tali finalità irrinunciabili, non raggiungendo le quali si dovrebbe prenderne atto e dichiarare forfait.

LIPU - Sez. di Foggia
WWF - Sez. di Foggia

Archivio news
 
home | chi siamo | come operiamo | dove operiamo | progetti | aiuta il CSN | link amici | Site Map | cookie policy
powered by netplanet - Denominazione: ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719