COME OPERIAMO
 RICERCA
 CONSERVAZIONE
 EDUCAZIONE AMBIENTALE
 WORKSHOP E SEMINARI
 ESCURSIONISMO
 EDITING E FOTOGRAFIA
Pro - Natura

Scoperte in Australia 850 nuove specie Invertebrati

28 settembre 2009

Ci sono insetti, piccoli crostacei, ragni, vermi e molti altri animali fra le 850 nuove specie di animali invertebrati scoperte in Australia nelle acque del sottosuolo e all´interno di microcaverne situate nelle rigide condizioni dell´entroterra australiano.

La scoperta si deve a un gruppo di 18 ricercatori guidati da Andy Austin dell´universita´ di Adelaide, Steve Cooper del South Australian Museum e Bill Humphreys del Western Australian Museum, che hanno condotto una complessa indagine di quattro anni analizzato le acque ipogee, nonche´ cave e microcaverne dell´arida e semiarida Australia. ´´La nostra ricerca - ha spiegato Austin - ha svelato una grande comunita´ di animali invertebrati precedentemente sconosciuti´´. E´ una grande scoperta, ha osservato ´´abbiamo svelato - ha aggiunto - una componente completamente nuova per la biodiversita´ australiana. Ed e´ solo un quinto del numero di nuove specie che crediamo esistano nel sottosuolo dell´ entroterra australiano´´. Alla meta´ di questi nuove specie non e´ stato ancora dato un nome. Generalmente questi animali scoperti nelle acque ipogee sono conosciuti come ´stigofauna´ e quelli dalle cave e microcaverne sono conosciuti come ´troglofauna´. Secondo Austin il motivo per cui questi animali si sono nascosti nelle acque e nel sottosuolo e´ dovuto al ´´risultato di passati mutamenti climatici´´. ´´L´Australia centrale e meridionale - ha rilevato - erano posti molto piu´ umidi rispetto a 15 milioni di anni fa quando c´era una rigogliosa diversita´ di fauna invertebrata che viveva nel sottosuolo´´. Il continente, poi negli ultimi 1-2 milioni di anni, e´ diventato piu´ arido e le specie, ha spiegato Austin, si sono rifugiate in un habitat piu´ favorevole anche se piu´ isolato, come le acque ipogee e le micorcaverne dove questi animali hanno potuto sopravvivere ed evolversi anche in solitudine. Adesso la sfida, ha concluso, e´ la conservazione di queste specie ´´scoperte in molte aree che possono essere impattate dall´industria estrattiva e dall´attivita´ pastorale´´

Archivio news
 
home | chi siamo | come operiamo | dove operiamo | progetti | aiuta il CSN | link amici | Site Map | cookie policy
powered by netplanet - Denominazione: ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719