COME OPERIAMO
 RICERCA
 CONSERVAZIONE
 EDUCAZIONE AMBIENTALE
 WORKSHOP E SEMINARI
 ESCURSIONISMO
 EDITING E FOTOGRAFIA
Pro - Natura

La strage segreta dei delfini

13 ottobre 2010

Un documentario choc svela la mattanza dei pescatori giapponesi
La strage inizia puntuale ogni anno a settembre. Avviene tutto a Taiji, cittadina giapponese a 500 Km a Sud-Ovest di Tokyo, affacciata sul Pacifico davanti a una delle grandi rotte migratorie di delfini. La scena è collaudata: ai primi segni dell´arrivo dei cetacei nella loro transumanza verso i mari del Sud, i pescatori prendono il largo e, battendo i remi sull´acqua, creano un «muro di suono» che disorienta i delfini e li fa finire dentro le reti, con cui vengono poi trascinati in un´insenatura naturale poco distante da Taiji.
Alcuni esemplari (poche decine) vengono prelevati e spediti a esibirsi nei vari delfinari del mondo. Gli altri, almeno 20mila all´anno, diventano oggetto di una carneficina a colpi di ramponi e fiocine: alla fine della mattanza l´acqua turchese della baia si tinge di un sinistro rosso porpora. La carne dei cetacei uccisi viene poi macellata per essere venduta – spesso spacciandola per carne di balena, una leccornia nazionale in Giappone – o, almeno fino a qualche tempo fa, per essere servita nelle mense cittadine, anche quelle scolastiche.
Finora la mattanza di Taiji era un segreto tutto sommato ben custodito o perlomeno ben celato all´opinione pubblica mondiale. Non mancavano voci di pratiche di pesca truculenta nella cittadina giapponese dove, all´apparenza, il delfino viene venerato (a Taiji ci sono statue, mosaici e murales di delfini ovunque), ma mai occhi «estranei» avevano potuto vedere quanto davvero accade in quella baia.
A mostrarlo in tutta la sua crudezza c´è ora «The Cove» («La Baia»), un documentario presentato e premiato all´edizione 2009 del Sundance Film Festival e il cui trailer, accessibile in Rete, viene visto da un numero crescente di internauti sbigottiti.
A girare il film-denuncia sono stati Louie Psihoyos, acclamato fotografo con 18 anni di National Geographic alle spalle e Richard O´Barry, che negli Anni Sessanta addestrò il delfino superstar della serie Tv Flipper e che ora, proprio a causa di quell´esperienza, è il più convinto oppositore della cattività dei delfini. Per realizzare le riprese subacquee Psihoyos e O´Barry si sono rivolti a una coppia canadese di assi dell´apnea – Kirk Krack e la moglie Mandy-Rae Cruickshank, otto volte campionessa mondiale di free diving. Sono stati loro due a immergersi in profondità, entrando non visti nella baia, e a posizionare le telecamere ipersensibili con cui sarebbero state riprese da sotto le scene dello scempio.
L´intero perimetro dell´insenatura in cui si compie la mattanza è infatti circondato da siepi di tela catramata sormontate da filo spinato e tenuto sotto stretta sorveglianza da telecamere a circuito chiuso e guardie armate.
Montato come un thriller, il documentario, che limita a due minuti le impressionanti immagini della carneficina dei delfini («Sono più che sufficienti per capire che cosa avviene in quella baia» dice O´Barry), mostra come Psihoyos abbia inizialmente provato a girare il film in modo «legale», chiedendo regolare permesso; e come – dinanzi a rifiuti secchi e minacce neanche tanto velate (senza giri di parole, il sindaco di Taiji avverte Psihoyos che avvicinarsi alla baia può voler dire farsi molto male) – il team sia allora «entrato in clandestinità» per produrre il filmato che dà conto dei fatti.
Ora, spinto dal crescente tam tam mediatico, soprattutto online, il film sta uscendo dai circuiti underground e presto arriverà alla visione del grande pubblico. La cui reazione, si prevede e si spera, sarà quella di una forte ondata d´indignazione: proprio ciò che Psihoyos e O´Barry si erano proposti avventurandosi a girare il loro film. Una prima indicazione al riguardo l´ha già data la città australiana di Broome, gemellata con Taiji in virtù della presenza di una nutrita comunità di pescatori originari di quell´area del Giappone: la relazione privilegiata fra le due città – ha mandato a dire il consiglio comunale di Broome al suo omologo di Taiji – riprenderà solo se e quando la mattanza dei delfini cesserà.
Ogni anno, nei pressi del villaggio di Taiji (a 3 ore da Osaka), da settembre a marzo, si apre la caccia ai delfini: quest´anno circa 23.000 delfini saranno uccisi. Quello di Taiji è uno sterminio che avviene tra l´indifferenza dei media giapponesi: cordoni di poliziotti, filo spinato, transenne, tengono lontani curiosi e giornalisti.
I pescatori giapponesi, avvistati i branchi, iniziano a battere violentemente su barre di acciaio parzialmente immerse in mare creando così una barriera sonora che spinge i delfini nella baia.
Le mattanze sono cruenti: i delfini vengono fiocinati, bastonati e uccisi colorando con il sangue il mare della baia. I pochi delfini superstiti al termine della mattanza vengono venduti agli operatori degli acquari.
La carne di delfino, altamente tossica e spesso fatta passare per carne di balena, viene venduta ai consumatori giapponesi, servita nelle mense scolastiche e nei ristoranti, avvelenando così gli stessi cittadini. Test effettuati sulla carne di delfino hanno rivelato la presenza di mercurio 30 volte superiore agli standard stabiliti dal Ministero della Sanità giapponese. Il mercurio è una neurotossina che provoca gravi danni alla salute: ad esempio, abbassa le difese immunitarie, provoca allergie ai cibi, problemi gastrointestinali e vari disturbi neurologici.
La convenzione di Washington inserisce i delfini di Taiji in una lista che prevede tassativamente, sia il divieto di caccia sia l´istituzione di quote di prelievo.
Il Giappone permette la caccia poiché considera i delfini solo dei “parassiti”: questi animali vengono uccisi al fine di preservare il pesce negli oceani, destinato al consumo umano.
L´OIPA rinnova l´appello rivolto al Giappone, chiediamo che sia messa la parola fine a questo brutale massacro. Per favore, sostieni l´appello lanciato dall´OIPA, pochi secondi del tuo tempo possono dare voce a chi non ne ha: per difendere i delfini, dobbiamo fare in modo che quante più persone sappiano cosa stia avvenendo.
indigo.splinder.com/






Archivio news
 
home | chi siamo | come operiamo | dove operiamo | progetti | aiuta il CSN | link amici | Site Map | cookie policy
powered by netplanet - Denominazione: ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719