COME OPERIAMO
 RICERCA
 CONSERVAZIONE
 EDUCAZIONE AMBIENTALE
 WORKSHOP E SEMINARI
 ESCURSIONISMO
 EDITING E FOTOGRAFIA
Pro - Natura

COMUNICATO STAMPA - Associazione Vittime della caccia 26.12.2012

2 gennaio 2013

Cronache di vittime annunciate. Altro grave incidente di caccia a Rocca Di Papa (RM)


nel Parco regionale dei Castelli Romani.


Ass.Vittime della caccia: 113 vittime in circa 46 giorni effettivi di caccia.


Ai Pratoni del Vivaro un altro cacciatore vittima del fuoco amico. E´ del 24 dicembre la notizia di un altro cacciatore colpito in pieno petto con un fucile a pallettoni dal suo compagno di battuta e pare versi in gravissime condizioni.
E´ la seconda persona impallinata all´interno dell´area protetta del Parco dei Castelli Romani, dopo  l´uccisione di un altro cacciatore avvenuta nel dicembre del 2009.
Il grave episodio, l´ennesimo, accaduto in zone assolutamente vietate alla caccia, è l´epilogo già annunciato dalla stessa Associazione Vittime della caccia che già dal 2008 chiedeva ai sindaci di Rocca di Papa e Artena controlli assidui nella zona o un provvedimento urgente, quale una ordinanza di divieto della caccia, per far cessare e prevenire i sistematici episodi denunciati dai cittadini di Pratoni del Vivaro a causa di una caccia selvaggia in area protetta e a ridosso delle abitazioni.

Nessuno di competenza, nonostante il fascicolo di testimonianze dei cittadini e le denunce prodotte, si è di fatto assunto la responsabilità di emanare un atto restrittivo di questa attività armata e incontrollata e questi sono i risultati! Neppure la richiesta in Prefettura ha sortito l´effetto sperato, dunque quelle accadute sono tragedie annunciate ma a cui non è stata data adeguata attenzione'.

Ancora un fattaccio di cronaca nera che ripropone drammaticamente l´adozione urgente di interventi risolutivi, tanto più che sotto il fuoco delle doppiette da anni sono costretti a sottostare i residenti del Consorzio Colli del Vivaro e che i controlli in tutta la zona si sono evidentemente rivelati inefficaci o talmente scarsi da incoraggiare impunemente i cacciatori di frodo.

'In tutta l´area deve essere vietata la caccia in modo esplicito e circoscritto, ed è per questo che del problema investiremo ancora una volta la Prefettura e i Sindaci di Artena e Rocca Di Papa affinché intervengano a tutela delle persone che vivono e frequentano il Parco regionale dei Castelli Romani e le zone circostanti' dichiara Daniela Casprini, Presidente dell´Associazione Vittime della Caccia che precisa ' a loro chiediamo da quattro anni misure eccezionali contro la caccia per tutelare la vita, la sicurezza e la quiete degli abitanti dei Pratoni del Vivaro e il rigoroso rispetto delle leggi a tutela della fauna selvatica'.

'Da quattro anni denunciamo questi abusi in nome e per conto degli abitanti della zona per riportare la legalità, ovvero l´applicazione di norme scontate, sia per legge che per buon senso: quanti altri fatti di sangue dobbiamo contare prima di vedere accolte queste sacrosante richieste?' conclude Daniela Casprini.

Con questo fatto i dati raccolti dall´Associazione Vittime della caccia sulle vittime da armi da caccia e cacciatori, risultano:

In totale dal 1 settembre al 25 dicembre 2012 (circa 46 giorni effettivi di caccia)

25 MORTI e 88 FERITI = 113 VITTIME in totale

Di cui:
26 VITTIME tra la GENTE COMUNE (7 MORTI e 19 FERITI)

tra questi 9 i MINORI VITTIME: 5 MORTI e 4 FERITI

e 87 tra i CACCIATORI (18 MORTI e 69 FERITI)


La pubblicazione dei dati raccolti dall´Associazione Vittime della caccia, implica obbigatoriamente la citazione della fonte stessa. Grazie

L´Associazione Vittime della caccia esclude casi di vittime per cadute, infarti o incidenti di altra natura che non siano le armi da caccia. Sono esclusi casi di suicidio con armi da caccia, salvo se trattasi di minori di età.

 Ufficio stampa Associazione vittime della caccia

Archivio news
 
home | chi siamo | come operiamo | dove operiamo | progetti | aiuta il CSN | link amici | Site Map | cookie policy
powered by netplanet - Denominazione: ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719