COME OPERIAMO
 RICERCA
 CONSERVAZIONE
 EDUCAZIONE AMBIENTALE
 WORKSHOP E SEMINARI
 ESCURSIONISMO
 EDITING E FOTOGRAFIA
Pro - Natura

Le terre salde hanno fatto il loro tempo???

3 aprile 2007

Rischia la distruzione l´ultimo pascolo originario del Tavoliere delle Puglie
23/3/07

Durante le attività di monitoraggio naturalistico che il Centro Studi Naturalistici O.N.L.U.S. compie regolarmente in Provincia di Foggia, si è potuto accertare che gli ultimi biotopi a pascolo arido, caratteristici del Tavoliere, presenti nell´area annessa all´Istituto Sperimentale per la Zootecnia, meglio conosciuto come “Ovile Nazionale” di Segezia, sono a rischio distruzione: una maldestra operazione, probabilmente colturale, sta infatti devastando questo ultimo scrigno di biodiversità.
Nei pressi di borgo Segezia, sorge, infatti, l´Istituto Sperimentale, con annessa un´estensione di territorio a pascolo di circa 400 ettari. Questa tipologia di pascolo appartiene ad un habitat prioritario per la Comunità Europea (Percorsi substeppici di graminee e piante annue Thero-Brachypodietea), e pertanto è particolarmente protetto (Direttiva Europea 92/43) e la sua conservazione è di diretta responsabilità degli enti territoriali preposti.

Questo ambiente è quello che resta della millenaria cultura della pastorizia transumante che fu alla base dell´economia della Capitanata sin dall´epoca degli Aragonesi.
Fino alla seconda metà del ‘900 un fiume di greggi scendeva nel Tavoliere in autunno dai rilievi montuosi del Molise e dell´Abruzzo per farvi ritorno alla fine della primavera ed il Tavoliere si presentava come un´immensa distesa di pascoli costellati di acquitrini e paludi temporanee che davano luogo ad un ecosistema vasto e importantissimo.
Con l´avvento dell´agricoltura meccanizzata e la definitiva vittoria di quest´ultima sulla pastorizia quasi tutti i pascoli (terre salde) vennero dissodati tranne qualche piccolo esempio che si è conservato fino ad oggi.
Proprio qui ruspe e falò hanno compiuto uno scempio ambientale che potrebbe far rischiare agli enti responsabili una procedura d´infrazione comunitaria.
Infatti gran parte dell´area in questione è stata decespugliata con gravi danni sia per il cotico erboso che per la restante composizione vegetale e faunistica che in questo luogo erano rappresentati da specie rare e minacciate e, in alcuni casi prioritarie come l´habitat che le ospitava.
Così orchidee ed iris, ferule e perastri secolari sono stati distrutti da una ignorante operazione finalizzata non si sa bene a quale scopo. Fasci di perastri ed altri cespugli sono accatastati in attesa di essere bruciati in grandi falò, e del meraviglioso habitat di pascolo non rimane granché così come resta ben poco degli animali presenti nel sito, dalle rare Sterpazzole di Sardegna, all´Occhione, uccello considerato prioritario dall´Unione europea, dalla Volpe al Rospo smeraldino con il suo trillo udibile anche a distanza.
Con questo comunicato si fa appello a tutti quelli che, come noi, cercano di conservare quel poco di natura ancora presente nel Tavoliere, ma anche a quelli che, per motivazioni storiche e culturali, sono legati al mondo tradizionale in cui affondano le radici del nostro passato.

Si fa appello anche alle autorità competenti (Corpo Forestale dello Stato, Assessorato all´Ambiente del Comune di Foggia, della Provincia di Foggia e della Regione Puglia) affinché vengano accertati gli illeciti e puniti i responsabili di questo scempio.
Oltretutto si propone e si auspica una valorizzazione dell´Istituto Sperimentale per la Zootecnia, un corretto governo dell´area con il recupero delle antiche tecniche di allevamento ovino ed una gestione integrata del territorio comprendente anche la nuova area protetta del Comune di Foggia, il Parco Regionale del Bosco Incoronata.
Il CSN resta a disposizione per poter organizzare una ricognizione di questi luoghi così come delle ultime aree naturali del Tavoliere affinché non vengano distrutte o alterate irrimediabilmente.


album: http://www.centrostudinatura.it/gallery/visgalleria.asp?id2=30&nomecat=Paesaggi&id=3

Archivio news
 
home | chi siamo | come operiamo | dove operiamo | progetti | aiuta il CSN | link amici | Site Map | cookie policy
powered by netplanet - Denominazione: ASS. CENTRO STUDI NATURALISTICI - ONLUS - C.F.: 94035230716 - P.IVA: 03702310719